Come migliorare l’auto-disciplina

piede-ballerina

Autodisciplina: una risorsa importantissima senza la quale i nostri obiettivi, dai più piccoli ai più ambiziosi, sono destinati a rimanere solo dei desideri. A volte dobbiamo forzare noi stessi a fare delle azioni per poter progredire, se invece rinunciamo (troppa fatica) il fallimento è dietro l’angolo… Per raggiungere i risultati che desideriamo dobbiamo fare delle azioni e questo lo sappiamo bene; purtroppo spesso a rovinare i nostri piani e a deludere le nostre aspettative arrivano la mancanza di chiarezza e la mancanza di azione o il continuo procrastinare in attesa di “tempi migliori” o del “momento giusto”.

Ecco 6 regole, che secondo Robin Sharma (e secondo alcune ricerche e studi scientifici), ci aiutano a migliorare notevolmente la nostra autodisciplina, sostenendo quindi i nostri sforzi nel raggiungimento di ciò che desideriamo.

# 1. L’autodisciplina (gli scienziati parlano di “autoregolamentazione”) è un po’ come un muscolo: più ci si allena e più cresce. Dobbiamo sfatare il mito che le persone di successo siano dotate di auto-disciplina come se fosse semplicemente un dono; ottengono i risultati che ottengono perché continuano ad allenarsi a fare ciò che devono fare.

# 2. La ricerca rivela anche che siamo dotati di una piccola quantità di forza di volontà. Dedicare ogni giorno molto tempo a controllare i social media, guardare il telegiornale, navigare sul web o fare shopping online sottrae risorse alla nostra auto-disciplina, risorse che potrebbero invece essere utilizzate per lo sviluppo di una o più competenze di base, per far crescere il nostro business, per essere in forma, alimentando così una vita familiare meravigliosa e rendere più ricco il nostro mondo interiore.

# 3. Nell’esercitare il muscolo della volontà, prendendo decisioni, facendo azioni massicce e impegnandoci nelle nostre attività, il “muscolo” dell’autocontrollo si riduce. Uno dei ricercatori più importanti del mondo in questo campo, Roy Baumeister, chiama questo fenomeno “esaurimento dell’ego”. Questo spiega il comportamento delle celebrità che hanno distrutto le loro carriere in seguito ad una mossa sciocca: hanno usato così tanto della loro energia nell’autodisciplina nella loro arte che non ne hanno lasciato abbastanza per gestire con saggezza una tentazione.

# 4. Con l’acquisizione di una routine quotidiana per assicurare il continuo “rinnovamento della forza di volontà”, ne eviterai l’esaurimento e saprai dare sempre il meglio di te stesso. Ti suggerisco di pianificare pratiche come la visualizzazione, la conversazione, intrattenimento intelligente e persino farti un pisolino durante la giornata per raggiungere questo obiettivo.

# 5. Imponendo a noi stessi di fare ciò che è importante, ma non è facile, il nostro “serbatoio” di autocontrollo si espanderà. Le situazioni in cui siamo fuori dalla nostra zona di comfort sono quelle in cui abbiamo il più alto potenziale di miglioramento.

# 6. La scienza conferma anche che quando siamo stanchi, sotto stress ed esauriti, i livelli di glucosio nel sangue scendono sotto la soglia ideale. E bassi livelli di glucosio diminuiscono la nostra autodisciplina poiché determinano cali di energia e stanchezza mentale. Mangiando alimenti a basso indice glicemico come carne (soprattutto bianca), verdura e frutta secca, eviterai picchi e sbalzi di glucosio. E anche dormire a sufficienza aiuta a mantenere i livelli di glucosio dove dovrebbero essere. Le persone che dormono troppo poco spesso hanno grandi difficoltà.

Quindi, migliorare la tua autodisciplina è una questione di allenamento. Naturalmente alla base c’è che devi avere un buon motivo per allenarti e questo ha a che fare con la chiarezza sui risultati che vuoi ottenere; una volta che sai cosa vuoi e perché lo vuoi, devi solo essere disciplinato a ottenerlo.

Leggi l’articolo integrale (in inglese) QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *