Il lento scavare

Il lento scavare” è il titolo del post di Paloz, pubblicato l’8 novembre sul sito di Parkour Wave (parkourwave.com). Ne riporto qui di seguito una parte, leggi pensando alla tua vita di tutti i giorni, a come affronti le tue “sfide”.

A volte è necessario azzerare le proprie convinzioni radicate, allentare le briglie che ci frenano, tornare ad essere più primitivi. Ma come è possibile farlo nel marasma, senza mai prendersi del tempo per riflettere?

Per capire cosa intendo, provate ad allenarvi da soli, e a rompere un salto difficile per voi, che vi metta davvero alla prova. Poi tornate a casa e curatene il pensiero. Non raccontatelo a nessuno, questo allenamento silenzioso. Provate a farlo finchè non sarà più un problema serbarne il segreto. Di tanto in tanto ripetete questa azione, lasciando che lo studio di questi momenti scenda sempre più in profondità. Se avete paura di farvi del male facendo ciò, e di conseguenza non poter praticare parkour per un po’, io vi dico, probabilmente non state davvero facendo parkour. Sono ben altri i demoni dai quali bisogna guardarsi: allenarsi da infortunati, allenarsi senza riscaldamento, senza defaticamento o tecniche di rilassamento adeguate, allenarsi sconsideratamente non rispettando il proprio fisico. Affrontare situazioni difficili va fatto: è la coscienza, con la quale le si affronta, che va costruita. Solo quando una persona comincia ad intendere cosa vuol dire realmente essere pronta ad affrontare una sua paura, quando vede gli orizzonti dei propri limiti appena sfumati, allora può tendere le braccia e tuffarsi nel nubifragio per provare a passare oltre. Sempre vigilie e attento, avido di conoscenza e pronto a lasciarsi alle spalle un libro ben scritto, per affrontare nuove pagine ad ampie falcate. Questo deve essere un traceur. Lanciatevi delle sfide che lavorino le vostre fondamenta: minatele, provate a distruggerle, a scuoterle; poi riassestatele, finalmente al sicuro da qualunque sisma. Solo allora emergerà una più ampia consapevolezza, una visione cristallina del vostro percorso in questa disciplina. Ciò che prima era un deserto ora diventa un universo di possibilità, dalle inesauribili combinazioni.

Non stupisce che molti praticanti percepiscano una sinergia frizzante quando si trovano nella natura. Questo perché si può ricercare la vita solo dove nasce la vita, non fra i muri ormai stanchi di coprirsi di smog invece che di muschio. Quando avete del tempo libero andate lontano, dove non avete più appigli, spingetevi ad esplorare l’ignoto.

Lì pensate ai valori di cui si parla spesso. Qui sono fin troppo difficili da comprendere, lontani e dettati da chi ha seguito un certo percorso. Quindi invito tutti a partite dal basso, ad andare a vedere se a metà strada, quando questi valori li incontrerete, colliderete con essi (salutandoli al primo crocevia) o li infilerete nel vostro zaino, pronti a farli maturare. Siate critici, senza che le vostre critiche siano sterili.

Quando poi vi troverete davanti a qualcuno che non si è ancora inoltrato in questa via, non difendete la vostra con lo zelo del convertito, provando a convincerlo o a persuaderlo. Limitatevi a raccontargli una parte della vostra storia, aspettando che nasca anche in lui la stessa scintilla.

Forse sarò ripetitivo, se di nuovo voglio trattare l’argomento dell’artificiosità nel parkour. È la voce di molti che parla oramai,  non solo la mia. Ogni giorno mi rendo conto che i metodi di approccio alla nostra arte dello spostamento, sono sempre più costruiti e sempre meno spontanei. Con questo non parlo semplicemente delle azioni,  ma anche del modo con il quale viene percepito l’ambiente, o di come si reagisce alle varie situazioni: una bieca accozzaglia di movimenti stereotipati e una maggiore attenzione a cosa fanno gli altri rispetto che a se stessi.

Dove sono le minuziose sfumature della forza e dello spirito? Se si persevera in questo modo, si stagna, si gira in circolo ripercorrendo all’infinito lo stesso viaggio. (A quel punto il meglio che si possa sperare é di diventare dei fossili). Si gonfiano i mezzi a discapito dei fini. Perché invece di curare il tocco, si rende più morbido il terreno? È come leggere un racconto sfogliandone le pagine con convinta casualità. La pratica non é una corsa frenetica per imparare i movimenti più “in voga”, o inventarne di nuovi solo per riuscire a farsi conoscere. È una lunga crescita, un lento scavare. […]

Lascio queste parole senza un commento, falle tue come più ti piace.

Grazie a Paloz per aver autorizzato la pubblicazione del suo testo qui. Leggi l’articolo completo: Il lento scavare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *